Giacomo Mazzara - Cantautore

GIACOMO MAZZARA

Inserire la password per accedere al sito

Cantautore siciliano, da sempre innamorato della forza delle parole trascritte in musica, a descrizione di un mondo che spesso ritiene non giusto ma che crede valga la pena di vivere, per le emozioni, gli amori e le esperienze che la vita regala.
Quelle stesse esperienze, spesso dure, che ha vissuto durante le sue missioni in Iraq e Afghanistan al servizio dell'esercito Italiano.
Nel 2015 la collaborazione con il produttore Andrea Romeo, per il suo primo EP "Un mondo a parte", l'inizio di un percorso discografico ed un nuovo corso di vita.

Un mondo a parte EP (2015)
Giacomo Mazzara - Autore e Compositore
Andrea Romeo - Arrangiamenti, esecuzione e produzione

Download EP

MENTRE FUORI FA FREDDO

Penserò a domani
Conterò i respiri
Fino a che tu ti accorga di me
I fogli sul mio letto
Quel sogno che ho distrutto che non rifaccio più
Un orologio nuovo
Il whisky che consumo
Un libro che non leggo
Il mio tatuaggio che odio
Si amplifica il pensiero
Diventa tutto chiaro
Un film in bianco e nero
Ci siamo io e te

Io e te stretti mentre fuori fa freddo
E far l'amore diventa solo un dettaglio
Perché l'amore si porta dentro
Ci teniamo distanti per non farmi del male
Ma consumiamo l'amore ci potrebbe salvare
Quando si ama si ama non c'è spiegazione
Ed io che darei la mia vita solo per te

Forse m'ingannavo
Non era tutto vero
Dimmi: sei finzione o sei realtà?
Il whisky mi confonde in mezzo a tante ombre non riconosco la mia
Le luci della notte
Il dolore che ora cresce
Una ragione ancora o una scusa vera?
E strappo il mio pensiero
Distruggo ciò che sono
Muoio mentre respiro se non sei qui con me

Io e te stretti mentre fuori fa freddo
E far l'amore diventa solo un dettaglio
Perché l'amore si porta dentro
Ci teniamo distanti per non farmi del male
Ma consumiamo l'amore ci potrebbe salvare
Quando si ama si ama non c'è spiegazione
Ed io che darei la mia vita solo per te

IO SONO L'INVERNO

Guarda, fuori è tutto bianco ed io non sento freddo
Ma sono felice
Rido e me ne frego dei discorsi tuoi
Del male che vuoi farmi tanto non ci riuscirai
Io dentro l'inverno ho trovato me
Io sono quella goccia
la neve sulla strada
il vento che sospira
il camino in una stanza
le nuvole sul mare,
un fulmine che accende questa notte spenta
quella coperta calda dove ti rifugerai
Io sono un mendicante e non chiedo nulla
vivo di domande
mi nutro di esperienze
dormo nei cassetti di sogni mai usati
conservati a lungo ma poi dimenticati
mi accontento delle mezze verità
raccolgo tutto quello che non ti serve

Io sono l'inverno che con la neve copre tutto quello che non va
Io sono l'inverno e quando soffia il vento serve per avvicinarmi a te
Io sono l'inverno offro a chi ha bisogno rifugio, silenzio e intimità
Io sono l'inverno, sarò anche freddo e lungo ma ti proteggerò

Io sono la pioggia che appartiene al mare
Sono la candela: accendimi se vuoi
Sono il temporale in una notte insonne
Sono l'equilibrio che non trovi mai
Sono ogni pensiero che ti fa star bene
un libro che rileggi ma non c'è una fine
la sostanza che riempie gli spazi vuoti
il verbo che non trovi fra i tempi e i modi
Io sono quello spirito latente
la neve nella notte di natale
la favola in cui ogni bambino crede

Io sono l'inverno e odio l'estate perché è l'opposto di quello che sono
Io sono l'inverno, apprezzerai il mio sole quando ti riscalderà
Io sono l'inverno, stringimi adesso perché ho bisogno di te
Io sono la sola ragione , tu sei la sola ragione
Noi siamo la sola ragione per vivere
Io sono l'inverno e non ti offrirò molto
Tu scappa se vuoi, tu scappa se vuoi ma abbi cura di te

TEMPORALE DI PACE

Canta questa notte e lava la mia vita
Slogan strappati per strada una ferita che sanguina
Fari che si spengono e perdono la luce
Per strada nessun grido è un temporale di pace,
un temporale di pace.

Ma lascia che sia la paura a farti innamorare di me
ma lascia che sia amandoti che possa andare via
divoreremo le emozioni, abbiamo tanta troppa fame
il temporale ci avvicinerà
e spogliati, abbandona la vergogna
chi sa amare spesso sogna, guardami
sono la ferita aperta , ho soltanto bisogno d'amore
questa notte potrei anche morire ma curami, Tu

Ho rubato l'ombra al fulmine
alla pioggia ho detto basta
fermatevi stanotte è festa
luce da una finestra e stupore nel mio viso
sono pronto sono pronto decidi tu

Ma lascia che sia la paura a farti innamorare di me
ma lascia che sia amandoti che possa andare via
divoreremo le emozioni,abbiamo tanta troppa fame
il temporale ci avvicinerà
e spogliati,abbandona la vergogna
chi sa amare spesso sogna , guardami
sono la ferita aperta , ho soltanto bisogno d'amore
questa notte potrei anche morire ma curami,
Tu è questo il temporale di pace.

SPERANZA NITIDE

Da grande lo capirai, il mondo cammina solo,
la conoscenza spoglia e l'estensione dello sguardo
ci aprirà essenze nuove
è la verità,
giudizi troppo vecchi ma ancora troppo forti,
ambizioni che portano tatuaggi e morte,
cicatrici che si aprono e sanguinano più di prima,
c'è una strana consapevolezza nello sguardo di mio nonno
che ha mangiato nella guerra ed è stato prigioniero del mondo,
e quando raramente esce fuori quella lacrima
fatta di dolore amore e poca libertà,
quando non parlava perché era schiavo dell'orrore
conservava tutto dentro: l'ingiustizia uccide l'amore!

Speranze nitide, storia di popoli
sacrifici di uomini per essere liberi,
fratelli e apostoli, signori giusti
l'amore è l'unico modo per vivere sempre,
ed io non posso che seguire, pace!

Adesso la storia che vorrei,
i secoli passano ma noi
dipendiamo sempre da chi uccide e fingendo si pente
punti di forza in una lacrima
che annega il mondo e trasforma l'anima
perdiamo identità per metterci in vendita
è questo il sistema per vivere morti!
menzogne ,il fascino, la bella vita
accarezzati, ma è una ferita
si sfogliano pagine , pagine bianche
aspettano noi, cominciamo a scrivere.

Nome e Cognome

Email

Telefono

Richiesta